Domande frequenti

Quali sono i risultati che ci si attende da un certificato di accreditamento?
La risposta a questa domanda è offerta da due opuscoli pubblicati dall'Associazione internazionale degli organismi di accreditamento (IAF). Il contenuto riassume il comunicato congiunto della IAF e dell'Organizzazione internazionale per la Standardizzazione (ISO) concernente i risultati che ci si può aspettare da un certificato di accreditamento secondo gli standard ISO 9001 e ISO 14001.

Esistono restrizioni relative alla dimensione dell'organizzazione per l’acquisizione dei certificati?
Non esistono restrizioni relative alla dimensione dell'organizzazione per l’acquisizione di un certificato. Possono riceverlo anche organizzazioni con un solo dipendente. Dobbiamo sapere che si tratta di una certificazione di sistemi di gestione che devono essere adottati sia nelle organizzazioni con un solo dipendente sia in quelle con diverse migliaia di dipendenti.

Le procedure d’acquisizione del certificato variano a seconda delle dimensioni dell'organizzazione?
La procedura per ottenere il certificato non dipende dalle dimensioni dell'organizzazione. Influisce sull’ambito di applicazione della certificazione e quindi sui costi, ma anche la piccola organizzazione, così come quella grande, deve soddisfare tutti i requisiti dello standard. Ciò che è diverso è il modo con cui viene richiesta la conformità ai requisiti: lo standard impone infatti non solo quali requisiti soddisfare, ma anche come soddisfarli e questo dipende, tra le altre cose, anche dalle dimensioni dell'organizzazione.

Per acquisire un certificato, un'organizzazione deve soddisfare tutti i requisiti dello standard?
In linea di principio, sì, ma lo standard ammette alcune eccezioni, denominate omissioni permesse. Tuttavia, queste omissioni non dipendono dalla volontà dell'organizzazione, né dalla natura delle sue attività o dei suoi prodotti. Nel corso dell’audit i revisori valutano se sia ammissibile giustificare l'organizzazione per le singole omissioni,  prendendo in considerazione tutte le ragioni per cui l'organizzazione intende far valere tali omissioni.

Tutte le richieste di certificato vanno a buon fine?
Per ottenere il certificato non è sufficiente che l'organizzazione lo richieda all'organismo di certificazione e paghi i costi relativi, ma deve avere già adottato, messo in atto e mantenuto un sistema di gestione della qualità documentato che soddisfi tutti i requisiti dello standard. Se i revisori, durante l’audit, verificano che l'organizzazione non soddisfa tutti i requisiti richiesti, il certificato non viene rilasciato. Va sottolineato che, generalmente, l’acquisizione del certificato viene richiesta solo da quelle organizzazioni che sono già sicure di soddisfare tutti i requisiti dello standard. In molti casi l'organizzazione, dopo l'esecuzione dell’audit e prima del conferimento del certificato, deve completare e migliorare il proprio sistema di gestione della qualità. Accade invece raramente che un'organizzazione, dopo l'intero processo di certificazione, non ottenga il certificato.

Quando un'organizzazione può perdere la certificazione?
L'organizzazione può perdere la certificazione se non soddisfa tutti i requisiti dello standard, che vengono verificati una volta all'anno dalle autorità di certificazione. Nella misura in cui l'organizzazione non soddisfa più i requisiti, ma è consapevole di questo e non intende più rispettarli, si giunge ad una cancellazione consensuale del certificato.

Nel caso specifico ciò si verifica quando un cliente di un’ organizzazione certificata richiede il ritiro del certificato. Spesso si verificano problemi derivanti dal fatto che i clienti non capiscono il contenuto del certificato. Il certificato riguarda requisiti del sistema di gestione della qualità che sono specifici, e solo il mancato rispetto di tali requisiti giustifica la revoca della certificazione. Molte altre ragioni prese in considerazione a livello individuale non costituiscono motivo di revoca del certificato.